La chiesa di Visignolo, dedicata a Maria Assunta, figura nei rotoli delle decime del 1302 e 1318 come dipendente dalla pieve di Baiso. Veniva chiamata anche S. Maria di Visiago o S. Maria de Visignano.

Dalla documentazione storica risulta che i lavori più consistenti di ristrutturazione siano stati effettuati nella seconda metà del Seicento, periodo in cui venne anche costruito il campanile. Nella visita Picenardi del 1709 la chiesa è descritta ad una sola navata con tre altari e in queste forme è giunta a noi. Presenta una facciata a capanna piuttosto slanciata, sulla quale si aprono un portale archivoltato a un finestrone trapezoidale sovrastante. Il corpo dell’edificio termina con una parte absidata e sul fianco settentrionale si innalza la torre con cella campanaria a bifore. Sulle pareti interne, in corrispondenza dei tre altari, sono stati eseguiti dipinti moderni che celebrano, oltre a santi e beati, anche episodi di storia locale come l’uccisione per mano dei partigiani del seminarista Rolando Rivi, originario di San Romano.